Come suonare gli accordi al pianoforte

da Ago 1, 2020Strumenti musicali, Teoria Musicale

Tutti i musicisti, almeno una volta, si sono domandati come imparare a suonare gli accordi al pianoforte. In questo articolo, impareremo insieme la posizione degli accordi sulla tastiera. Inoltre ti sveleremo anche qualche regola che potrà esserti utile per suonare l’accompagnamento perfetto.

Prima di cominciare, però, sappi che per imparare gli accordi al pianoforte è importante conoscere le note musicali e i tempi (hai bisogno di un ripasso? Qui trovi degli articoli di Federiscores che possono esserti utili!)

Se sei anche tu un pianista, sai bene quanto sia facile innamorarsi del pianoforte. Infatti, questo strumento polifonico (e poliedrico) offre a chi lo suona moltissimi vantaggi: il pianoforte può essere suonato mentre si canta, è uno strumento che si destreggia bene in ogni genere musicale, può accompagnare qualsiasi altro strumento e, soprattutto, può suonare in tutte le tonalità musicali.

 

Oggi ti spiegheremo qualche semplice regola che ti consentirà di suonare gli accordi al pianoforte con grande facilità. Ma ricorda: per padroneggiare al meglio il pianoforte, è fondamentale uno studio costante!

Cosa sono gli accordi?


Prima di tutto, un piccolo ripasso di teoria musicale: gli accordi sono dei gruppi di note suonate simultaneamente. Un insieme di note viene chiamato accordo se esso è composto da almeno tre note (nel caso in cui l’insieme di note sia composto soltanto da due note, viene chiamato bicordo.)

Tipi di accordo

Suonare tre note insieme non vuol dire necessariamente suonare un accordo. Infatti, gli accordi si definiscono tali secondo una logica ben precisa che deriva dalle scale musicali a cui appartengono. In base alle note che compongono gli accordi, possiamo definire quattro tipi di accordi.

Costruiamoli sulla nota DO:

  • Accordo maggiore DO MI SOL
  • Accordo minore DO Mib SOL
  • Accordo eccedente DO MI SOL#
  • Accordo diminuito DO Mib SOLb

tipi di accordi

Posizioni degli accordi

Ognuno degli accordi di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente, è formato da tre note. L’ordine in cui le tre note vengono disposte determina la posizione degli accordi. Prendiamo come esempio l’accordo di DO Maggiore, che è composto dalle note DO, MI, SOL, possiamo cambiarne l’ordine suonando anche MI, SOL, DO o SOL, DO, MI.

Ricordati le seguenti definizioni:

 

  • se la nota più grave dell’accordo è la fondamentale si dice accordo in stato fondamentale;
  • se la nota più grave dell’accordo è la terza si dice accordo in stato di primo rivolto;
  • se la nota più grave dell’accordo è la quinta si dice accordo in stato di secondo rivolto;fondamentale

Divisione degli accordi tra le due mani


Il pianoforte è uno strumento che dà a chi lo suona la possibilità di poter dividere gli accordi fra le due mani. Tuttavia è importante rispettare delle semplici regole per evitare che l’accompagnamento possa “suonare male” o risultare povero.

N.B. L’arte di arrangiare un pezzo, o di accompagnare una canzone al pianoforte, è ampia e complessa. Infatti esistono moltissime regole in merito. Qui te ne daremo alcune di base, utili per iniziare.
Man mano che crescerai come musicista, inizierai a sviluppare il tuo modo di arrangiare un pezzo e potrai quindi “infrangere” queste regole per creare un accompagnamento musicale più ricco.

Regola n. 1

Il basso alla mano sinistra e l’accordo alla mano destra! La mano sinistra del pianoforte si trova quasi sempre a suonare il registro medio-grave del pianoforte. In questo registro le note hanno un timbro molto pieno e conferiscono corposità e potenza al suono. Quindi ti consigliamo di suonare con la mano sinistra la nota fondamentale dell’accordo. Se leggi gli accordi in notazione anglosassone (per esempio l’accordo G (SOL maggiore)), devi suonare alla mano sinistra il SOL.

Ultimo consiglio: se hai già una buona manualità con il pianoforte, puoi aggiungere l’ottava e quindi suonare SOL col pollice e SOL col mignolo all’ottava inferiore, ottenendo ancora più potenza. Nel frattempo la mano destra potrà suonare l’intero accordo.

Regola n. 2

Non suonare l’accordo sia alla mano destra che alla mano sinistra!
NON SUONARE MAI due accordi identici con entrambe le mani. Il pianoforte consente di gestire le voci (per approfondire vedi voicing) sfruttando tutti i registri in maniera dinamica. Suonare lo stesso accordo con entrambe le mani farà risultare il timbro impastato e poco chiaro.

Regola n. 3 

Non suonare parallelamente due accordi, utilizza i rivolti!
Questa regola apre il capitolo del voicing, ovvero l’arte di distribuire gli accordi in maniera corretta. Il voicing è un argomento molto vasto, che infatti tratteremo in un articolo a se stante più avanti.
Il nostro consiglio, comunque, è quello di EVITARE ASSOLUTAMENTE di suonare parallelamente un accordo dopo l’altro.
Per esempio: se nella canzone trovi scritto C (Do maggiore), e poi D (Re maggiore), evita che dopo DO, MI, SOL, si suoni RE, FA#, LA. Piuttosto opta per LA, RE, FA#.

Il ritmo degli accordi

Abbiamo visto come suonare gli accordi, ma non come distribuirli all’interno della battuta. In questo paragrafo, ti daremo degli schemi e delle regole che possono farti comodo per la distribuzione degli accordi all’interno della battuta.
Per prima cosa, individua il tempo all’interno della battuta. Per esempio, prendi un brano in quattro quarti e fai questo esercizio: al battere della battuta suona sia il basso con la mano sinistra che l’accordo con la mano destra; ribatti i successivi quarti solo con la mano destra mentre la mano sinistra manterrà la nota lunga.

 

Esempi e schemi di accompagnamento

Ecco alcuni semplici schemi per accompagnare canzoni lente o brani veloci, in tempo di valzer di marcia.

Non dimenticare che questi sono solo dei suggerimenti molto basilari per cominciare a capire come accompagnare al pianoforte.
Soltanto l’esperienza potrà insegnarti come aggiungere dettagli sempre più interessanti all’interno di questi schemi, in modo da rendere i tuoi accompagnamenti più musicali e creativi.

Accompagnamento classico quattro quarti

Giro di Do Maggiore, basso alla sinistra, accordi alla destra.  

Accompagnamento con arpeggi

Giro di Do Maggiore, alla sinistra abbiamo sempre il basso, mentre alla destra ci sono degli arpeggi, utili per accompagnare brani lenti.  

Accompagnamento per valzer

Accompagnamento in tre quarti, tempo veloce e caratteristico dei valzer

Gli accordi di Settima

Esistono anche degli accordi che contengono quattro note, una diversa dall’altra e si caratterizzano per la forte tensione musicale. Sono molto utilizzati perché conferiscono colori sonori particolari che arricchiscono l’accompagnamento musicale e sono detti “accordi di settima”. Li approfondiremo in un prossimo articolo.

 

Conclusione

Adesso sai come suonare tutti gli accordi per pianoforte e noi del team di Federiplay speriamo che tu abbia trovato questo articolo chiaro e utile (a proposito…hai suggerimenti? Scrivici!)
Più avanti pubblicheremo altri articoli sul pianoforte, sugli accordi e su come suonare le tue canzoni preferite. Nel frattempo, ti consigliamo di fare pratica e di utilizzare gli schemi che ti abbiamo proposto con alcuni spartiti semplici per pianoforte.
Prima di lasciarci, il nostro ultimissimo consiglio è di provare a creare tu stesso alcuni schemi personalizzati: ricordati però di andare a tempo e rispettare le regole che ti abbiamo indicato!

0 commenti

Potrebbe interessarti…

Solfeggio cantato, parlato e ritmico

Solfeggio cantato, parlato e ritmico

Purtroppo imparare la musica senza studiare il solfeggio è impossibile. Tutti ci siamo chiesti se ci fosse una soluzione, ma purtroppo solfeggiare è fondamentale per diventare musicista. 
In questo articolo ti spiegheremo come fare solfeggio nel modo giusto e ti daremo qualche consiglio utile su come rendere lo studio meno noioso e più musicale.
Innanzitutto è importante che tu conosca le note musicali sul pentagramma e quindi le figurazioni e i tempi musicali. Se non sai di cosa stiamo parlando, dai un’occhiata agli articoli nel nostro blog!
Esistono tre tipi di solfeggio: il solfeggio ritmico, il solfeggio parlato e il solfeggio cantato

leggi tutto
Scarica il PDF con tutte le Scale Maggiori e Minori!

Scarica il PDF con tutte le Scale Maggiori e Minori!

Lascia quì la tua email per ricevere il PDF con tutte le scale maggiori e minori armoniche.

Benvenuto nel team! Conferma la tua mail e scarica il PDF. Buono studio

Pin It on Pinterest

Share This